Per offrirvi una migliore esperienza di navigazione il nostro sito utilizza dei cookies di tipo tecnico che non contengono informazioni personali o che possono identificare l'utente.
Se non intendete acconsentire all'uso dei cookie potete disabilitarne l'uso per questo sito. Alcune pagine potrebbero contenere plugin o collegamenti a siti esterni che contengono cookie
di profilazione su cui non abbiamo controllo. Per maggiori informazioni consultate l'informativa della privacy nell'apposita sezione.
Cliccate qui per chiudere permamentemente questo avviso

I.C.S. Emilio Filippini - Cattolica

MEDIA 16/17: Stili di vita

MEDIA 16/17: Stili di vita

Stili di vita

​Cibo per tutti

(Promosso dalla Caritas di Rimini)

 

Classi e plessi coinvolti:        2^ A – 2^D       SCUOLA MEDIA

 

 

Obiettivi:

 - Sensibilizzare i ragazzi al tema del Diritto al Cibo per tutti;

- Responsabilizzare i giovani a consumi sostenibili, a lottare contro gli sprechi e contro un’economia che non salvaguarda la vita umana;

- Promuovere stili di vita che rispettino la dignità dell’essere umano e i valori di pace e giustizia sociale, a partire da un’ottica locale per poi allargarsi sulla dimensione globale.

 

Finalità:                                  

 La proposta educativa  sarà permeata di 4 attenzioni:

 a) nuovo rapporto con le cose: dal consumismo al consumo critico, dalla dipendenza alla sobrietà; b) nuovo rapporto con le persone: recuperare la ricchezza delle relazioni umane fondamentali per la felicità e il gusto della vita;

 c) nuovo rapporto con la natura: dall’uso indiscriminato della natura alla responsabilità ambientale; d) nuovo rapporto con la mondialità: passare dall’indifferenza alla solidarietà, dall’assistenzialismo alla giustizia sociale.

 

Luoghi e tempi:

  3 incontri in classe da 2 ore ciascuno (operatori Caritas  in classe).

 

Insegnante referente

Clementi Daniela

 

 

[torna in alto]

Codice XHTML 1.0 Strict valido Codice CSS2 valido Conforme allo standard di accessibilitàWCAG 2.0 (Level AA) Soddisfa i nuovi adempimenti del Decreto legislativo n.33/2013